Recensioni d'Arte - PITTart.com

Home PageHome   Le tue pagineLe tue pagine      Scrivi e pubblica una recensione d'arte              Mostre pitturaMostre Pittura
Eventi d'arte archiviatiEventi e Mostre d'arte archiviati          Richiedi il circuito eventi e notizie d'arte per il tuo sitoRichiedi circuito Eventi e Notizie d'Arte        Correnti d'arteCorrentid'arte
Elenco pittoriElenco Pittori    Elenco Gallerie d'ArteGallerie d'Arte    Elenco Critici d'ArteCritici d'Arte    Elenchi Belle Arti - Produzione o VenditaDitte Belle Arti    Musei e PinacotecheMusei   Concorso pitturaConcorso Pittura
Annunci preparatori di eventi d'arteAnnunci preparatori di eventi d'arte  Scrivi il tuo concetto d'arteScrivi il tuo concetto di arte  Scrivi la tua Biografia e inserisci le tue opere su PITTartScrivi la tua Biografia...

RECENSIONI D'ARTE - ARITICOLI CRITICI

Spazio interattivo ove è possibile pubblicare recensioni inerenti una mostra di pittura già conclusa o il lavoro di un artista pittore. Puoi dunque pubblicare brevi saggi critici o articoli di Critici d'arte, ma tieni presente che ogni scritto deve essere attinente alla pittura. Clicca sul tasto INFO e poi su SCRIVI.


Data Inserimento: Thu, Dec 5, 2013 - 19:09:12

Evento N°: 58

Nome: luigi colombi conte

SPONSOR

Località: REGGIO EMILIA
TITOLO


SCRIVI IL TUO TESTO

LABIRINTI INEPLORATI

Arrivare ad una espressione libera questa frase di De Sta, sembra essere rappresentativa del pensiero artistico di Luigi Colombi in arte CONTE. La ricerca di una liberta' nell'arte pittorica lo accompagna ad invadere i campi dello storicismo astratto attraverso una personale definizione di un linguaggio che coniuga il gesto con l'equilibrio cromatico delle forme.
Achille Bonito Oliva ci ricorda che nell'action painting il rituale del gesto serve ad esorcizzare la realta' e a risalire all'origine organica e dinamica della vita. Il gesto nell'arte come superamento dell'esistente con tutte le sue implicazioni, fino a spingersi nelle zone dell'inconscio e della psiche fra i pensieri propri di ogni artista, non trasferibile ad una visione sociale e globale. In verita' l'arte astratta e' nella sua definizione una ricerca di una linea di pensiero per il superamento di una condizione oggettiva, neutrale, dialettica.

Prof. SERGIO ZANICHELLI



Data Inserimento: Tue, Aug 6, 2013 - 11:00:46

Evento N°: 57

Nome: DIANA GIUSTO

SPONSOR

Località: MILANO
Recensione della Pittrice DIANA GIUSTO scritta dal critico d’arte, Prof.ssa A.F. Biondolillo e pubblicata nel volume “Emozioni d’Arte” inaugurato nella mostra collettiva che si è tenuta a PARIGI a giugno 2013





La ricerca artistica di Diana Giusto ha il suo approccio in un figurativo che si contraddistingue tra gli artisti dell’Arte Contemporanea per l’avvincente trasporto emotivo dei suoi paesaggi e maggiormente, per quella ricchezza di sentimenti di cui sono intrisi i suoi ritratti.
Sembra infatti che la sensibile artista ama cogliere lo stato umorale dei suoi personaggi, riuscendo a catturare l’attenzione dell’osservatore.
Ecco, allora, che ogni figura umana da lei interpretata assume la trama di una storia degna di essere raccontata, mettendo in atto l’innata capacità del disegno e completata mediante il gesto cromatico per divenire a volte una storia universale.

In “Bacco, Tabacco e Venere” l’artista ha voluto rappresentare una Venere moderna, non volgare ma suggerendo elegantemente, ugualmente il messaggio che sta in quel detto: ”Bacco, Tabacco e Venere portano l’uomo in cenere”.
Spesso nel suo quotidiano vivere si presentato occasioni che fanno trepidare il suo cuore per la contemplazione della bellezza di un paesaggio che, da valida pittrice, si accinge a immortalare le sue emozioni mediante il mezzo di cui è dotata. Così, come per magia, trasla l’immagine della Natura sulla tela, apportando in essa quella sua spiritualità interiore che incanta e appaga l’animo dello spettatore.

Si è alla presenza di una sincera artista che con la sua semplicità offre dipinti come “Paesaggio Provenzale”, in cui l’armonia del segno colore rivela la validità del suo talento.

L’artista si affida al suo intuito emozionale per le sue creatività, trasmettendo in esse tutto il fascino sentimentale, ciò che troviamo in “Chiaro di Luna”: alberi che si innalzano verso il meraviglioso cielo stellato, in un abbraccio sotto il chiarore lunare, regalandoci una suggestiva visione romantica.

Sensazioni ed emozioni che ci arrivano tali perché osservati con palpitazione emotiva e riportate sul supporto con il felice intuito di rimanere per sempre nei nostri cuori.


Prof.ssa A.F. Biondolillo



http://www.dianagiusto.com



Data Inserimento: Sun, Mar 24, 2013 - 23:07:31

Evento N°: 56

Nome: pino boresta

SPONSOR

Località: ROMA
Il più outsider di tutti

In tale clima sobrio ma pacifico è parsa quasi finta l'irruzione in sala (assolutamente reale) del perennemente escluso situazionista, Pino Boresta il più outsider di tutti, che aveva da tempo annunciato il suo suicidio nel caso non fosse stato invitato alla Biennale. Non essendo ovviamente stato invitato neanche questa volta ha rassicurato che sì, nonostante tutto, ancora “vivrà”.

Claudia Colasanti (pubblicato dal Il Fatto Quotidiano)

Pino Boresta vivrà. Nuova performance-blitz dell’artista romano durante la conferenza stampa della Biennale. L’outsider per eccellenza rivendica ancora una volta la propria esistenza

“I don’t give up”, urla a pieni polmoni Pino Boresta. E se c’è qualcosa che va riconosciuto all’artista romano, insieme a una rara genuinità, sono la tenacia e la convinzione con cui porta avanti la sua ricerca, da almeno un paio di decadi. Performer, situazionista (o “situazionauta” come ama definirsi), oltre che street artist ante litteram, Boresta è sbucato fuori dal pubblico della conferenza stampa della Biennale di Venezia, ieri a Roma, al grido di “Io vivrò”.
Dopo aver provocatoriamente annunciato, con email, post su forum e pubblicità sui giornali, che si sarebbe tolto la vita se Gioni non l’avesse invitato alla mostra, ha invece a sorpresa deciso di riaffermare con forza la propria esistenza, la propria condizione di outsider, di irregolare, di allegro e consapevole disturbatore. La performance, interrotta dal servizio d’ordine come ogni blitz che si rispetti, si è chiusa con un forte applauso, mentre Paolo Baratta, presidente della Biennale, riprendeva la parola dicendo a Massimiliano Gioni: “pensavo fosse una delle tue trovate”…
Valentina Tanni (Artribune)

Qui ii video:
http://www.youtube.com/watch?v=gDxYnZFyx_0

http://www.youtube.com/watch?v=uyUoEyubttc


<---   1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   --->
(Totale Eventi: 57)



Visita l'archivio storico delle mostre pubblicate da PITTart