PITTart - Pitture e artisti in mostra permanente
Pitture e artisti
HOME   ANNA MARIA GUARNIERI  ELENCHI  ARTE  ISCRIZIONI  VIDEO  PER PITTORI  ANNUNCI  ARTICOLI  NOTIZIE 

SITE MAP

Aggiungi la tua opera alla Top Painters



l'angolo dei Critici d'arte

Tranca arte e istinto informale

Tranca arte e istinto informale - Articolo del critico e storico d'arte moderna, dott.ssa Anna Rita Delucca

Leggi altre recensioni della dott.ssa Anna Rita Delucca:
Il terzo occhio nella pittura di Anna Maria Guarnieri
Loretta Loiacono, pittura, poesia e meditazione
I fiori di Fiorenza Righetti: rigoglio di vita, attesa di morte
Nicoletta Spinelli - La natura dipinta come prospettiva fotografica
Il velato Realismo Magico di Giampaolo Ghisetti
La 'strana' storia dell'Orfismo dalla mitologia antica all'arte moderna
Ruggiero Bignardi e l’arte del pastello
TRANCA arte e istinto informale
Silvia Boldrini - Pittura digitale
Patrizia Pacini Laurenti e il fascino dell'acquerello
Massimo La Volpe e il naturalismo intimistico

Articolo del critico d'arte Anna Rita Delucca Il critico d'arte dott.ssa Anna Rita Delucca

Cos’è la ‘forma’ se non ciò che ha contorno e carattere visivo o tattile?. L’Astrattismo organizza le forme non più secondo la realtà o la natura, ma solo attraverso l’immaginazione dell’artista. L’Informale invece, rifiuta del tutto l’idea di forma, differenziandosi così ulteriormente dall’astrattismo, Il cammino del momento sebbene ne amplifichi il significato, perché tende a creare immagini che non possiedano forme riconoscibili.

Gli artisti che dagli anni Cinquanta del Novecento in poi seguirono questa tendenza, crearono opere diverse negli stili, ma in qualche modo, sempre costituite da linee e segni liberi, strati di colore dettati dall’improvvisazione istintuale: l’opera, scevra da ogni carattere formale, esaurendosi nell’attimo stesso della sua realizzazione, risultava fine a sé stessa.

Giovanni Giungi, in arte Tranca, è figlio d’arte, musicista e paroliere (molte canzoni depositate in SIAE e vari testi dialettali), Nel bosco ma ha una forte passione per l’arte visiva; dal 1998 utilizza una pratica impattiva, appresa da alcuni ‘artisti di strada’, denominata ‘Flash Art’ che di recente gli ha consentito d’esporre i suoi lavori in varie parti d’Italia e del mondo, da San Pietroburgo a New York: si tratta di una tecnica in grado di esaltare le sue qualità poliedriche, il suo senso critico, la libertà di spaziare nell’antico e nel moderno, poiché permette scelte espressive che non coincidono né con l’astrattismo, né con il figurativo, ma si muovono in un contesto d’arte informale istintiva, conducendo l’artista all’introduzione di tematiche diversificate.

La protezione montuosa
Il modus operandi consiste nello stendere il colore sulla superficie del supporto senza l’uso del pennello ma con un rullo, mescolare le tonalità, tratteggiare il segno con una spatola e quindi asportare il colore in eccesso nei punti in cui si vuol dar vita ad un’immagine. Si tratta dunque di animare l’idea, illuminare la forma/non forma attraverso un gioco intersecante di segni e cromatismi, luci ed ombre modellano una materia/non materia indefinita e caotica.

La Flash Art ha influenzato lo sviluppo di nuove forme e sistemi d’espressione artistica per cui luoghi aperti, come strade e piazze, si trasformano in centri di cultura e aggregazione.