PITTart - Pitture e artisti in mostra permanente
Pitture e artisti in mostra permanente


 Home pageHome Page     Notizie d'ArteNotizie Arte     Calendario d'arte - CalendARTECalendario d'Arte - CalendArte    Tutte le iscrizioni a PITTart.comTutte le iscrizioni     Richiedi il tuo sito WebMio Sito Web    L'angolo del critico d'arteL'angolo del critico d'Arte    Incontri con l'arte - interviste agli artistiIncontri con l'Arte    Artisti sezione interattivaArtisti

Pompei - La cittÓ d'arte dissepolta

Pompei, la cittÓ d'arte dissepolta per eccellenza: posizione geografica, storia, urbanistica e arte






Firenze     Pisa     Pompei     Roma     San Gimignano     Siena     Venezia

Pompei la cittÓ d'arte dissepolta

Italia - Campania - Pompei Ubicazione geografica e storia di
POMPEI
La cittÓ d'arte dissepolta

Visita virtuale di Pompei                               Mappa Pompei
Stradario Italia                  Carte geografiche di ogni provincia

Pompei sorge su un altopiano di formazione Mosaico - Battaglia di Isso  - Particolare della vittoria di Alessandro Magno su Dariovulcanica, posto sul versante meridionale del Vesuvio, a circa 30 metri sul livello del mare ed a breve distanza dalla foce del fiume Sarno. La cittÓ fu sin dall'inizio legata alla sua posizione sul mare e presto la cittÓ pass˛ dall'egemonia greca alla formidabile potenza degli Etruschi, risalgono a quel periodo il Tempio di Apollo e le Terme Stabiane. Successivamente Ponpei vide l'inarrestabile discesa delle Pompei - Il magistratoTerentius con la propria mogliepopolazioni sannitiche provenienti dalle zone montane che conquistarono nel corso del V secolo a.C. tutta la Campania, ad eccezione di Neapolis. Ma fu nel II secolo a.C. col dominio di Roma sul Mediterraneo che la cittÓ conobbe un periodo di grande crescita a livello economico, soprattutto attraverso la produzione e l'esportazione di vino e olio. Risalgono a questo periodo il Tempio di Giove, la Basilica nell'area del Foro e la Casa del Fauno. La situazione economica fu florida per molto tempo, tanto che furono costruiti l'Anfiteatro e l'Odeon e in tempi Pompei - I fuggitivi pietrificati.successivi l'Edificio di Eumachia e il Tempio della Fortuna Augusta. Nel 62 d.C. iniziarono i problemi per la cittÓ con un disastroso terremoto che provoc˛ gravissimi danni e successivamente, il 24 agosto del 79 d.C., la grande eruzione del Vesuvio con la quale Pompei fu sepolta completamente da una fitta pioggia di lapilli e cenere.
L'urbanistica di Pompei
Oggi sappiamo che Pompei, al tempo dell'eruzione, si Pompei - Particolare dell'urbanistica con forumestendeva su quasi 64 ettari e la sua popolazione era di circa 20.000 persone. La planimetria della cittÓ dalla regolaritÓ geometrica derivava fondamentalmente dall'urbanista greco Ippodamo di Mileto, anche se non si conformava pienamente alla sua rigida disposizione. Tuttavia Pompei costituisce il primo esempio di pianificazione urbana sistematica in Italia. Architetti, progettisti e Pompei - Basilicacostruttori ebbero il loro momento pi¨ felice al tempo di Nerone, come conseguenza del terremoto del 62 d.C. Infatti, durante gli ultimi diciassette anni della vita della cittÓ, essi furono chiamati, non solo ad ampliare la zona di Pompei, ma anche a ricostruire i numerosi edifici che il terremoto aveva distrutto o danneggiato. Oggi, il visitatore della cittÓ dissepolta, scopre con sorpresa, come fossero anguste la maggior parte delle strade dell'epoca, generalmente da i 2,4 metri fino a arrivare ai 7 metri. In molti incroci si incontrano delle fontane decorate con pietre scolpite sormontanti la vasca rettangolare di Pompei - Il tempio di Jupiterpietra. Le fontane, come pure numerosi edifici, erano alimentate da tubazioni di piombo disposte sotto i marciapiedi e che prendevano l'acqua da un acquedotto che cominciava da Serino, nei pressi dell'odierna Avellino, a 26 chilometri nell'entroterra. Ma ci˛ che affascina della cittÓ di Pompei e la rende, dal punto di vista storico ed artistico, un luogo unico al mondo, Ŕ la possibilitÓ di poter ricostruire, passo dopo passo, lungo le vie lastricate di basalto lavico, la vita quotidiana degli abitanti di una cittÓ, che un evento catastrofico come l'eruzione  del Vesuvio, ha reso immortale.Pompei - Affresco nella casa dei Vettilli

L'Arte a Pompei
Dal punto di vista artistico le case erano dominate da affreschi che costituivano l'aspetto pi¨ straordinario di Pompei. Tradizionalmente alle pitture della cittÓ sono stati assegnati quattro stili diversi, definiti "primo, secondo, terzo e quarto stile pompeiano", anche se oggi si pensa che tale suddivisione sia ampiamente inadeguata a rappresentare la varietÓ delle tecniche pittoriche. Infatti la molteplicitÓ di stili nella decorazione pittorica che rivestiva le pareti delle case pompeiane Ŕ evidente e va dalla sobria ripartizione in riquadri colorati, a scenari architettonici, talora semplici e talora molto complessi, fino alla visione di prospettive assolutamente fantastiche, alle scene figurate e alla ornamentazione pura. La tecnica Pompei - Affresco realizzato con la tecnica dell'encaustoutilizzata per realizzare gli affreschi consisteva nell'applicare al muro due o tre strati ben fatti di intonaco calcareo, mescolato con sabbia e calcite. Quindi si dipingeva prima il fondo e si lasciava asciugare. Quando il tutto si era ben essiccato, si procedeva con la tecnica dell'encausto. Naturalmente i pigmenti usati erano costituiti soprattutto da terre colorate come le ocre, da tinte minerali come il carbonato di rame e infine, da tinte di origine vegetale e animale. Mirabili esempi sono rappresentati dagli Pompei - Fontana con mosaicoaffreschi della Casa dei Vettii, tra cui spiccano gli Amorini che documentano le varie attivitÓ artigianali; dalla splendida Venere in conchiglia della Casa di Venere o dal misterioso ciclo di affreschi della Villa dei Misteri, dedicato al culto di Dionisio, di 3 m. x 17, che costituisce una delle pi¨ grandiose raffigurazioni pittoriche dell'antichitÓ. E poi che dire dell'arte della scultura in bronzo che ha un suo celebre esempio nel Fauno danzante dell'omonima Casa, dell'amore per il Pompei - Atlasvasellame e dell'argenteria confermata dal ritrovamento di ben 115 pezzi d'argento nella Casa di Menandro. I mosaici completavano mirabilmente la decorazione delle case: dai pi¨ semplici in coccio pesto, ai tasselli in bianco nero con motivi geometrici come il Cave canem della Casa del poeta tragico, alle vere e proprie opere d'arte con la pi¨  vasta gamma di tinte, come la Battaglia di Isso rinvenuta nella Casa del Fauno e oggi al Museo Nazionale di Napoli, che ritrae Alessandro Magno contro Dario.