PITTart - Pitture e artisti in mostra permanente
Pitture e artisti in mostra permanente


 Home pageHome Page     Notizie d'ArteNotizie Arte     Calendario d'arte - CalendARTECalendario d'Arte - CalendArte    Tutte le iscrizioni a PITTart.comTutte le iscrizioni     Richiedi il tuo sito WebMio Sito Web    L'angolo del critico d'arteL'angolo del critico d'Arte    Incontri con l'arte - interviste agli artistiIncontri con l'Arte    Artisti sezione interattivaArtisti

San Gimignano città d'arte

San Gimignano, la città d'arte medievale per eccellenza, con la sua storia e i luoghi d'arte da non perdere






Firenze     Pisa     Pompei     Roma     San Gimignano     Siena     Venezia

Panorama San Gimignano

Italia - Toscana - San Gimignano Ubicazione geografica di
San Gimignano
La città dell'arte e dell'architettura medievale Toscana

Visita virtuale di San Gimignano             Mappa San Gimignano
Stradario Italia                    Carte di ogni provincia

Maschera in Ceramica - Artigianato localeNella Val d'Elsa, a nord-ovest di Siena, nel cuore di una campagna a olivi e viti, il profilo svettante di San Gimignano (334 metri), irto di ben quindici torri, appare in tutto il suo medievale splendore. San Gimignano offre il quadro urbanistico e architettonico più autentico, completo e suggestivo di una città toscana del duecento e trecento. Il visitatore che giunge fin sotto alle sue mura e varca una delle cinque porte, non può che rimanere estasiato dalle vie lastricate che rattoppano le vecchie pareti di pietra antica, ove si San Gimignano - Piazza della Cisternatrovano come incastonate, caratteristiche botteghe artigiane e antiquari. Le due piazze principali sono invece lastricate in mattoni rossi e circondate da nobili palazzi, torri e chiese. La piazza della Cisterna (dal pozzale che vi sorge nel mezzo) é a forma triangolare e su di essa prospettano varie case-torre, comprese le torri gemelle degli Ardinghelli, il palazzo Tortoli-Treccani ed il palazzo Cortesi con la cosiddetta torre del Diavolo. Se la Piazza della Cisterna era anticamente il centro commerciale, la piazza del Duomo è il centro religioso e politico di San Gimignano. Qui la facciata romanica della Collegiata (che ospita affreschi di Taddeo di Bartolo e Benozzo Gozzoli), fronteggia il Palazzo del Podestà con la sua torre detta San Gimignano - Piazza del Duomo"la Rognosa" alta 51 metri. Sempre nella piazza del Duomo, ma sul lato sud, la torre Grossa si eleva sul Palazzo del Popolo, nel cui interno hanno sede il museo e la pinacoteca che raccolgono opere notevoli. Chi desidera godere di un panorama superbo, non può non visitare la zona occidentale della cerchia muraria, ove nel 1353 i fiorentini costruirono una rocca a pianta pentagonale. Da visitare anche le chiese di S. Lorenzo in Ponte (XIII sec.), S, Agostino, S. Pietro (XI sec.) e il Palazzo Pratellesi dove hanno sede l'archivio comunale e la biblioteca.

Le origini di San Gimignano

San Gimignano - Via San GiovanniLe origini di San Gimignano risalgono ad un piccolo villaggio etrusco, come attestano i numerosi ritrovamenti di tombe e di reperti archeologici nel suo territorio. La sua storia ha quindi inizio intorno al X secolo, prendendo il nome del Santo Vescovo di Modena che nel VI secolo avrebbe salvato il borgo dalle orde di Totila. San Gimignano ebbe grande sviluppo durante il Medio Evo grazie alla Via Francigena che lo attraversava e lungo la quale vennero costruiti i principali edifici della città, le torri e le case-torri delle famiglie patrizie (nel Trecento le torri San Gimignano - Case_Torrierano 72, adesso ne sono rimaste 15). San Gimignano riuscì a costituirsi in libero Comune nel XII secolo acquistando una discreta importanza. Le due casate più forti, quella ghibellina dei Salvucci e quella guelfa degli Ardinghelli, dettero luogo ad aspre lotte fino al 1345, quando San Gimignano perse la sua indipendenza entrando sotto il controllo dei fiorentini. Attorno al piccolo nucleo fortificato nacquero i quartieri di San Matteo e San San Gimignano - Torre del DiavoloGiovanni, chiusi nella seconda metà del Duecento da una cortina di mura in gran parte ancora conservata. Entro queste mura è rimasta intatta la città, passata nel Trecento dall'influenza senese sotto quella fiorentina (il governo sangimignanese dichiarò la sua sottomissione a Firenze nel 1353) affiancando così ai capolavori di Lippo Memmi, del Barna e di Taddo di Bartolo quelli di Benozzo Gozzoli, del Ghirlandaio e del Pollaiolo. La città, è rimasta perfettamente cristallizzata nelle sue forme fin dal 1400, salvaguardata e valorizzata in ogni sua parte, rivela un impianto urbanistico intatto e architetture di limpida bellezza. Tutto ciò, assieme agli importanti tesori artistici che custodisce, fa sì che San Gimignano sia una città d'arte tra le più visitate in toscana.